Terremoto

I terremoti sono improvvise vibrazioni della terra, che hanno origine a una certa profondità.


Terremoto di Hanshin, Kobe (18)

Terremoti in Svizzera

Rispetto all’estero, in Svizzera il pericolo di terremoti è medio-basso. Le regioni più a rischio sono il Vallese, Basilea, la Svizzera centrale, l'Engadina e lungo la valle del Reno nel Cantone di San Gallo (mappa della pericolosità).

 

In Svizzera si registrano mediamente 200 terremoti all’anno, di cui solo il 10 per cento percepibile dall'essere umano. Negli ultimi secoli, gli unici terremoti che hanno provocato danni sono stati quello di Sion, nel 1946, e quello di Visp, nel 1855. Il più forte è stato invece quello che colpì e distrusse gran parte della città di Basilea nel 1356.

 

In Svizzera è possibile che si verifichi  un terremoto di magnitudo 5 ogni 5 anni, uno di magnitudo 6 ogni 100 anni. Il terribile terremoto di Basilea nel 1356 aveva raggiunto una magnitudo di 6,5. Nel 1946, a Sion, un terremoto di magnitudo 6,1 ha provocato danni ingenti, mentre le tremende scosse che hanno investito la città de L’Aquila (Italia) il 6 aprile 2009, avevano fatto segnare una potenza di 6,3 sulla scala Richter.

 

Erdbeben Prince William Sound USA

Studi sui rischi hanno mostrato che la sicurezza in Svizzera sarebbe messa a dura prova non da fenomeni naturali conosciuti e frequenti quali le inondazioni, le valanghe o le grandi frane, bensì principalmente da eventi più rari, quali i terremoti. Il rischio dovuto a un forte movimento sismico sarebbe enorme: se oggi si verificasse un tale evento, di potenza analoga a quella che investì la città di Basilea nel 1356, i danni ammonterebbero a 60 miliardi di franchi. A titolo di raffronto, ricordiamo che le gravi piene del 2005 hanno provocato danni per 3 miliardi di franchi.


Se le strutture portanti degli edifici vengono dimensionate e costruite correttamente e a prova di scosse sismiche, è possibile evitare il peggio. Nonostante tutti gli accorgimenti, però, l'intensità di un terremoto può essere tale da distruggere edifici, ponti o dighe, indipendentemente dal tipo di suolo e di costruzione.