Tsunami


Tsunami provocato da un terremoto alle Isole Aleutine in Alaska. L'onda più importante è stata osservata a Haena, sull'isola di Kauai (10.4 m). Immagine: Tsunami, Hawaii, NGDC USA 2002

Le onde sonore di uno tsunami si propagano velocemente in tutte le direzioni, per esempio a 8 km di profondità nel mare alla velocità di oltre 1000 km/h. In poche ore sono in grado di attraversare un oceano. In mare aperto una cresta d'onda può distare diverse dozzine di chilometri dalla prossima e l'altezza delle onde si limita a pochi decimetri. Per questo motivo le onde cariche di energia sono quasi impercettibili in mare aperto. Immagine: Tsunami, Henry Helbush 09.03.1980

L'onda ha scaraventato una scuola in legno a 65 metri di distanza. Immagine: Abitazione distrutta dallo tsunami, Papua Nuova Guinea, Hugh Davies, University of Papua New Guinea 17.07.1998

Una fotografia aerea di un banco di sabbia nella laguna Sissano. Lo tsunami ha superato il banco di sabbia e ha inondato il villaggio alla foce della laguna. Immagine: Tsunami, Papua Nuova Guinea, National Mapping Bureau of Papua New Guinea 17.07.1998

Foto aerea della regione distrutta sull'isola di Chiloé in Cile. Immagine: Tsunami all'isola di Chiloé, Cile, unbekannter Autor 22.05.1980


Uno tsunami (maremoto) si compone di una serie di onde originate essenzialmente da terremoti o frane sottomarine che si propagano rapidamente su mari e laghi e che giungono a riva con una potenza devastante. "Tsunami" è una praloa giapponese e significa "grande onda contro il porto".