Crollo di roccia dall'Eiger (2006)


Flash is required!
Lo sgretolamento delle masse di pietra provoca un'enorme nube di polvere. Immagine: Caduta di pietre all'Eiger, Grindelwald (5), Eva Gertsch GIUB 23.06.2006

La parete rocciosa sulla destra precipita. Immagine: Caduta di pietre all'Eiger, Grindelwald (1), Simone Hunziker, PLANAT BAFU 23.06.2006

Il 13 luglio crolla il lato destro della parete rocciosa in tre intervalli di tempo. Circa un quinto della massa rocciosa (460'000 metri cubi) precipita sul ghiacciaio. Il Servizio sismologico svizzero rileva delle scosse alle ore 19.25, 19.26 e alle 19.39. Immagine: Caduta di pietre all'Eiger, Grindelwald (2), Simone Hunziker, PLANAT BAFU 23.06.2006

Il 13 luglio crolla il lato destro della parete rocciosa in tre intervalli di tempo. Circa un quinto della massa rocciosa (460'000 metri cubi) precipita sul ghiacciaio. Il Servizio sismologico svizzero rileva delle scosse alle ore 19.25, 19.26 e alle 19.39. L'immagine mostra gli ammassi di pietre della roccia. Immagine: Caduta di pietre all'Eiger, Grindelwald (3), Eva Gertsch GIUB 11.07.2006

Caduta di pietre all'Eiger - figura della Madonna: dopo alcuni movimenti di massa sul versante orientale dell'Eiger è stato possibile vedere, per un momento breve, l'immagine della Madonna nella roccia. Il 13 luglio la roccia sulla destra del versante orientale dell'Eiger crolla sul ghiacciaio in tre intervalli di tempo. Immagine: Caduta di pietre all'Eiger, Grindelwald (4), Eva Gertsch GIUB 11.07.2006

In sei giorni alcune une parti del "naso roccioso" sul versante orientale dell'Eiger si sono abbassate di 75-100 cm e spostate in avanti di 25 cm creando un'ampia crepa. Immagine: Caduta di pietre all'Eiger, Grindelwald (6), Eva Gertsch GIUB 11.07.2006


Dal 1860, la superficie del ghiacciaio nei pressi del lago glaciale è scesa di oltre 200 metri e la lingua del ghiacciaio si è ritirata di 1,6 chilometri. Siccome il ghiaccio non esercita più pressione sulla parete di roccia, dal 2006 si è distaccato un blocco di roccia di 2 milioni di m3 che, negli scorsi anni, ha provocato frane molto spettacolari e destato clamore.

Dopo un picco di attività raggiunto nell'agosto 2008, del blocco origiario sono rimaste solo due colonne, crllate nell'estate del 2009. Ancora oggi, lungo il sentiero che conduce alla capanna del Bäregg, sono visibili i luoghi dove la roccia si è staccata e i depositi di detriti.

 

www.gletschersee.ch